Seguimi su Facebook
Comunicati Stampa News

Il delirio di Orlando: “Palermitano ‘cuinnutu’, non apprezza quello che ho fatto”

Cuinnutu, te lo deve dire un turista francese che Palermo è bellissima?“: è stata questa una delle prime frasi pronunciate da Leoluca Orlando nel corso del suo comizio organizzato nella giornata di oggi al Teatro Golden.

Raccontando un suo episodio personale, il Sindaco di Palermo ha rivolto idealmente il termine “cornuto” ai palermitani che non apprezzano le tante cose “buone” che questa amministrazione comunale avrebbe fatto per la città.

Nel suo lungo discorso, Orlando ha presentato al pubblico un elenco di presunti “successi” da lui ottenuti in questi 4 anni di governo: secondo il Primo Cittadino, la Favorita sarebbe stata riqualificata, la ZTL starebbe salvando i negozianti della via Roma, il trasporto pubblico funzionerebbe bene (“Anche se si può fare sempre meglio”, ha aggiunto), il nostro tram sarebbe il migliore d’Italia e le periferie come lo ZEN sarebbero tornate a nuova vita. Ovviamente Orlando non si è fatto sfuggire l’occasione per parlare anche di migranti, sostenendo che grazie a lui oggi Palermo non è più sinonimo di mafia, ma di accoglienza.

Il discorso di Orlando ha già fatto scoppiare la polemica politica, con il leader di Noi con SalviniFrancesco Vozza che attacca a testa bassa: “Il Sindaco ha raccontato solo fesserie: si vanta di aver riqualificato la Favorita, ma ci sono ancora rom e prostitute; sostiene che il nostro trasporto pubblico funzioni benissimo e invece ci sono sempre meno autobus; dice di aver riqualificato le periferie, ma in moltissime strade non c’è nemmeno la luce elettrica; e, infine, ha il coraggio di affermare che grazie alla ZTL il commercio della via Roma si stia riprendendo, quando in realtà sta succedendo l’esatto opposto. Orlando offende l’intelligenza dei palermitani, che, però, stavolta non si faranno più fregare dalle sue belle parole e lo manderanno a casa.”.

Lascia un commento