Seguimi su Facebook
Comunicati Stampa News

Palermo, cancellato il nome di una via in arabo. Orlando: “Razzisti”

Oscurate le scritte in arabo della via 40 Martiri. Il sindaco Orlando su tutte le furie: “Gesto razzista”

L’associazione “Sos Ballarò” ha denunciato la cancellazione del nome di una strada in arabo. Parliamo di via 40 Martiri, situata nel cuore del centro storico di Palermo: essa riporta tre diciture linguistiche, una in italiano, una in ebraico e l’altra per l’appunto in arabo. Qualcuno ha coperto di vernice verde il cartello della via, lasciando soltanto il nome in italiano.

Sulla vicenda è intervenuto ovviamente il sindaco Orlando, che ha apertamente parlato di razzismo: “Si è trattato con tutta evidenza – ha dichiarato il primo cittadino – non di un semplice atto vandalico ma di un gesto razzista, ancora più grave perché avvenuto in un luogo che più di altri simboleggia la vocazione accogliente e interculturale della nostra città. Sono comunque contento della pronta e giusta reazione di tutti coloro, singoli e associazioni, che lavorano nel centro storico mettendo in pratica quegli ideali di accoglienza e scambio interculturale.”.

FONTE: www.palermotoday.it

Francesco Vozza, leader di Noi con Salvini a Palermo, ha commentato così la vicenda: “Pur condannando il gesto, personalmente non riesco ancora a spiegarmi il perché nel nostro centro storico debbano esserci delle vie scritte in arabo. Sembra quasi un omaggio alla schiavitù che subì il nostro popolo molti secoli fa ad opera dei saraceni. Se fossi al governo della città, sostituirei le indicazioni in arabo con delle scritte in antico dialetto siciliano.”.

Lascia un commento