Seguimi su Facebook
News Notizie dall'Italia

Santa Rosalia è il simbolo della riconquista cristiana della Sicilia

Nonostante il tentativo di trasformare Rosalia in un’icona di tutte le religioni, la “Santuzza” fu il simbolo del ritorno del cristianesimo in Sicilia

Ormai da anni i palermitani stanno assistendo al tentativo, perpetrato sia dall’amministrazione di Leoluca Orlando che da alcuni ambienti della Chiesa cattolica, di trasformare il tradizionale festino di Santa Rosalia in un appuntamento multiculturale ed interreligioso, come se la Santuzza appartenesse simbolicamente anche ai musulmani o agli induisti. Questa manovra, dal sapore squisitamente ideologico, è finalizzata ad annacquare le origini cristiane della ricorrenza nel nome di un odioso e insopportabile “politicamente corretto“.

In ogni caso, la realtà storica ci racconta una Rosalia che fu autentico simbolo del ritorno del cristianesimo in Sicilia: la Santuzza, infatti, visse nel periodo normanno, sotto il regno di Guglielmo I il Malo, appena qualche decennio dopo la cacciata dei musulmani dall’isola. Rosalia, affascinata dal monachesimo bizantino, non appena si sentì pronta a farlo, si diede immediatamente all’eremitaggio, vivendo per lungo tempo in una grotta. La sua esistenza, da inquadrare in quel contesto storico, fu completamente donata al Cristo ed oggi non ha alcun senso trasformarla in altro.

Lascia un commento